Dal Panopticon | Scritture

Lo svelamento della nudità tra scandalo, parola e morte / 1 – L’articolo su Pangea

LO SCANDALO DELLA NUDITÀ. “ORA NARRA PURE DI AVERMI VISTA SENZA VELI: SE LO POTRAI…”.

L’interdizione che lo svelamento della nudità prescrive, riguarda il detto, non il visto, come ingenuamente si potrebbe pensare. Lo scandalo dell’oscenità non può essere riferito, nulla in esso è urlo sguaiato. Al massimo è risata, come quella che Baubo (o Baubone) riesce a strappare all’afflitta Demetra alzandosi le vesti e mostrandole la vulva parlante.

Per continuare a leggere, vai su Pangea.

* * *

In copertina: Francesco Hayez, Susanna al bagno (1859, part.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *