Dal Panopticon | Scritture

Passim

Passim (dal latino un po’ qua, un po’ là, senza un ordine preciso), è la sezione del blog che contiene gli articoli di vario interesse e di diverso argomento.

In spiaggia #9

La giovane sposa che poco fa misurava i cubiti di sabbia tra il mio e il suo riposto d’ombra, ora lucida l’armatura marina con abbondanti pozioni di unguenti offrendo la schiena allo sguardo lubrico degli uomini il cui ventre pingue tradisce l’ostentata sicurezza del loro passo marziale. […]

In spiaggia #8

Per non soccombere alla melanconia, alle ossessioni, agli incubi peggiori e all’assalto dei fantasmi, decido di abbandonare il giaciglio di sabbia che da troppo tempo mi ospita e di impegnare i miei pochi muscoli non ancora refrattari al movimento in una solitaria camminata sul bagnasciuga. Voglio lasciarmi stordire dalle boccate di fumo del mio sigaro, …

In spiaggia #8 Leggi altro »

In spiaggia #7

Sistemo gli auricolari alle orecchie e avvio la musica. Oggi non ho voglia di fare altro.La coppia che mi passa accanto sembra sbucata dal nulla e per un attimo mi sorprende. Lui ha passo d’antilope; lei, melliflua, porta con sé un’aura di regale erotismo. Accetto l’invito a seguirli con lo sguardo fino al limite della …

In spiaggia #7 Leggi altro »

De senectute

Più mi ritiro e raggrinzisco con l’età, più mi appare, soddisfatto, il mondo. Comincio a sospettare che, dopotutto, sia soltanto questa la qualità della vecchiaia, dare al mondo la possibilità di manifestarsi. Io rimpicciolisco, lui trionfa. È come se il mondo volesse finalmente rifarsi su quella Vorstellung cui Schopenhauer lo aveva costretto e dalla quale, però, …

De senectute Leggi altro »

In spiaggia #6

Assicurato alla pietra come un rapace notturno, approfitto dell’invitante ombra che un roccioso riparo mi offre. Dall’alto osservo il lugubre cimitero di sassi roventi le cui forme il mare ha ammorbidito con pazienza.Di tanto in tanto, obbligati da un naturale istinto, alati insetti dei quali non conosco né il nome né la provenienza, tormentano il …

In spiaggia #6 Leggi altro »

Piccola fenomenologia del pigiama

Il sintomo dello smarrimento estetico di un popolo, o addirittura di un’intera società, è manifestato dalla presenza dell’uomo in pigiama. Il precetto che ci impose di nascondere le nostre pudenda alla vista altrui non può giustificare la scellerata invenzione di un simile indumento. La sua esplicita minaccia al buongusto o all’evoluzione dei costumi è sicuramente …

Piccola fenomenologia del pigiama Leggi altro »

Geopolitica dell’ombrellone

Una volontaria e colpevole trascuratezza ha da sempre relegato l’ombrellone da spiaggia tra le cose vana et futilia. Cosicché, nell’immaginario, esso deve produrre ombra, servire da attaccapanni, al massimo proteggere dalla canicola estiva con una tenue e modesta frescura. Tuttavia quello che ancora sfugge all’osservazione dei più distratti, è che nella meticolosa toponomastica dello stabilimento …

Geopolitica dell’ombrellone Leggi altro »

In spiaggia #5

Le brune cosce levigate della donna che al riparo dal sole estivo accoglie la sapienza tersicorea del giovane maestro di ballo, contraddicono la rigida legnosità dei suoi passi inesperti. Incurante dell’afa che ottunde la ragione e mortifica i sensi, la bella allieva segna la pista con i cerchi imperfetti dei suoi graziosi piedi. Il maestro …

In spiaggia #5 Leggi altro »

Piccolo rapporto semiserio sulle donne che in estate frequentano gli stabilimenti balneari

D’estate gli stabilimenti balneari sono frequentati da una possente maggioranza di giovani donne che mangiano insalata. Mangiare insalata è triste e ben si addice alle giovani donne tristi che d’estate frequentano gli stabilimenti balneari. Anche un’altra categoria di donna frequenta d’estate gli stabilimenti balneari, è quella che mangia soltanto frutta fresca. Mangiare frutta fresca è …

Piccolo rapporto semiserio sulle donne che in estate frequentano gli stabilimenti balneari Leggi altro »

Dello scrivere #3 (Variazione)

Ci sono giorni in cui sono letterario. Voglio dire che ogni cosa, qualsiasi coincidenza o occasione, fenomeno naturale o semplice manifestazione del caso che colpisce i miei sensi, diventa argomento letterario: l’abbaiare del cane della vicina, il canto disperato di una questuante, le setole del mio spazzolino da denti, mia moglie che stira… Per ognuna …

Dello scrivere #3 (Variazione) Leggi altro »