Non è tempo di gentilezze, il nostro, di buone maniere,
inchini e civetterie.
Questa è un’epoca di segni.
I miei, in fila come i grani di un rosario, sono tutti qui ben visibili
insieme alle rughe sulla mia fronte, al tempo tra i miei capelli,
alla sterilità nei miei coglioni.